Dal 22 luglio domande all’Irfis per finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto, L.R. n. 9/2020, articolo 10, comma 3

giovedì 1 luglio 2021

L’IRFIS - Finanziaria per lo Sviluppo della Sicilia S.p.A. ha pubblicato sul proprio sito internet www.irfis.it l’avviso, promosso dall’Assessorato regionale per l’Economia, in attuazione dell’articolo 10, comma 3, della L.R. 9/2020, che ha la finalità di definire criteri e modalità di concessione dei finanziamenti agevolati e dei contributi a fondo perduto (sovvenzioni dirette) in favore degli operatori economici e dei liberi professionisti iscritti agli ordini professionali e/o titolari di partita IVA operanti in Sicilia, danneggiati dall’emergenza sanitaria.

 

L’ammontare delle risorse disponibili è pari a euro 73.003.280,94, inclusa la quota da riconoscersi al soggetto gestore della misura.

 

Destinatari della misura sono PMI con sede legale o operativa in Sicilia e liberi professionisti iscritti al relativo albo professionale, se obbligatorio, e titolari di partita IVA con domicilio fiscale in Sicilia, danneggiati dall’emergenza sanitaria Covid-19, che hanno avviato l’attività prima del 31/12/2018. Non rientrano tra i destinatari dell’agevolazione i soggetti che svolgono esclusivamente o prevalentemente un’attività afferente ai codici ATECO 2007 compresi nelle seguenti sezioni della medesima classificazione ATECO 2007:

  • A - Agricoltura, silvicoltura e pesca;
  • O - Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria;
  • T - Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico; produzione di beni e servizi indifferenziati per uso proprio da parte di famiglie e convivenze;
  • U - Organizzazioni ed organismi extraterritoriali.

 

Nel dettaglio, possono avere accesso alle agevolazioni le PMI che alla data di presentazione dell’istanza:

  1. Sono regolarmente costituite e iscritte come attive alla data di pubblicazione del presente avviso, nelle pertinenti sezioni del Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente;
  2. Hanno avviato l’attività prima del 31/12/2018;
  3. Hanno sede legale o operativa nel territorio della Regione Siciliana;
  4. Hanno realizzato nel 2019 un fatturato non superiore a 250 mila euro;
  5. Hanno subito danni a causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19;
  6. A causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 hanno realizzato nell’anno 2020 un fatturato inferiore almeno del 40% rispetto a quello realizzato nel 2019.

 

L’agevolazione è costituita da un finanziamento agevolato più un eventuale contributo a fondo perduto. L’importo massimo complessivo dell’agevolazione è pari a Euro 25.000. L’intervento può essere costituito interamente da un finanziamento agevolato, nel caso in cui non venga richiesto il contributo a fondo perduto, oppure da un finanziamento agevolato ed un contributo a fondo perduto.

 

Il Finanziamento agevolato ha le seguenti caratteristiche:

  • Importo minimo: euro 10.000
  • Importo massimo: euro 25.000 qualora non sia richiesto il contributo a fondo perduto
  • Durata: 48 mesi successivi ad un periodo di preammortamento non superiore a 24 mesi;
  • Rimborso: mediante 48 rate mensili costanti;
  • Tasso di interesse corrispettivo: zero;
  •  Nessuna garanzia richiesta

Come previsto dall’Articolo 6 della L.R. 9/2020, ai fini dell’istruttoria e della concessione del finanziamento non viene effettuata alcuna valutazione del merito creditizio e non è richiesta alcuna garanzia.

 

Per ogni finanziamento è concedibile un contributo a fondo perduto, importo massimo 5.000 euro, a copertura del 100% delle spese di sanificazione ed adeguamento dei luoghi di lavoro e di produzione ubicati in Sicilia dei quali il richiedente ha la disponibilità, riferite a: sanificazione, acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti, di termometri, termoscanner, di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione. L’importo non può essere superiore all’ammontare sostenuto per spese di sanificazione ed adeguamento dei luoghi di lavoro, debitamente fatturate e contabilizzate, sostenute dal 12 marzo 2020 al giorno antecedente la data di pubblicazione dell’avviso. Non può essere concesso soltanto il contributo a fondo perduto senza finanziamento agevolato. L’avviso precisa che le spese dovranno essere documentare e asseverate da un commercialista in caso di inserimento in graduatoria.

 

Le modalità di richiesta del finanziamento agevolato e del contributo a fondo perduto sono indicate al punto 7 dell’avviso cui si rinvia. Dalle ore 10:00 del giorno 22 luglio 2021 e fino alle ore 17:00 del giorno 9 settembre 2021 è possibile procedere alla compilazione ed all’invio delle istanze e dei relativi allegati collegandosi all’indirizzo https://sportelloincentivi.irfis.it ed accedendo alla piattaforma digitale dedicata mediante SPID (livello 2) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

 

Le domande sono selezionate con riguardo alla riduzione percentuale del fatturato registrato nel periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2020 rispetto al periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2019. Le domande saranno collocate nella graduatoria provvisoria secondo l’ordine decrescente partendo dalla riduzione di fatturato maggiore, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili.
 

Sonia Ferrara
AREA ECONOMIA E IMPRESA


Per info contattare la delegazione di territorio/l’ufficio UniKo


INIZIO

Powered by Xonex
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.